Il Kaiten Zushi, letteralmente “Sushi girevole”, consiste in piattini di sushi posizionati su un nastro trasportatore che li fa girare davanti al bancone dove siedono i clienti. I clienti possono prendere i piattini che vogliono quando vogliono. Inventato nel 1958 da Yoshiaki Shiraishi, oggi esiste ancora il suo primo ristorante di questa tipologia: si trova a uscita nord delle linee Kintetsu alla stazione di Osaka. Sebbene questa tipologia di ristoranti nasca come un moderno Fast Food, si possono ordinare anche il vino, la birra ed altre bevande, spesso servite su un piattino per tenere traccia della consumazione. Scegliere un’unica bevanda e, più specificatamente, un unico vino se si mangiano tanti piatti di sushi diversi non è facile, ma vogliamo insegnarti come compiere una scelta efficiente in base ai tuoi gusti!

Molti ristoranti hanno creato grandi tavoli con nastro trasportatore per gruppi. In questi casi come puoi comportarti nella scelta del vino? L’ideale, quando si mangiano tipi di sushi dall’intensità aromatica molto diversa, è scegliere, a seconda del proprio gusto, o una bollicina con buona struttura o un vino rosso leggero. In questi casi sconsiglio la scelta di un vino bianco. Il motivo è molto semplice: testando diverse tipologie si ha la necessità non solo di accompagnare il pasto, ma anche di “pulirsi la bocca”. Per fare questo è indicata l’anidride carbonica prodotta dall’effervescenza dei vini spumanti, che ha anche la proprietà di sgrassare i cibi ed è da preferire se si scelgono molti fritti. Allo stesso modo un vino rosso leggero si sposa bene a molteplici abbinamenti. Un vino bianco può rivelarsi una buona soluzione solo se si parla di vitigni semiaromatici, ma io consiglio sempre in questi casi di scegliere vini ad “ampio spettro”.

Yoshiaki Shiraishi (1914-2001) inventa il Keiten Zushi. Durante una visita in uno stabilimento di birra rimase folgorato dal nastro trasportatore e pensò di poter applicare lo stesso principio al sushi. Questo ingegnoso sistema, non solo gli consentiva di far fronte a un numero ridotto di personale del suo ristorante, ma gli permetteva di abbassare notevolmente il costo del Sushi. Per oltre 5 anni sviluppò questo progetto e nel 1958 aprì ad Osaka il Mawaru Genroku Sushi, il suo primo ristorante dove il Sushi veniva servito sul nastro trasportatore. Nel giro di pochissimo tempo l’idea ebbe un tale successo che aprì 240 ristoranti in ogni angolo del Giappone.

I nostri vini perfetti per il Kaiten Sushi…

o più in generale con tante varietà di sushi diverse:

Frequenti i Kaiten Sushi?

Cosa ordini da bere?

Cheers!

Share This